sabato 20 luglio 2013

PIADINA CLASSICA PROSCIUTTO E FORMAGGIO E PIADINA EMILIANA

Sacrifichi un polpo e ti ritrovi ospite dell'Italia nel Piatto, ebbene sì, questo mese anche il mio blog rappresenterà la regione Emilia Romagna per le preparazioni estive.
A Bologna, quando i 35 gradi sono intollerabili, scappiano nei paesi limitrofi per illuderci che cenare ad una sagra sotto ad un tendone ci faccia soffrire meno, i piatti scelti saranno tagliatelle al ragù, tortelloni burro e oro, grigliata mista di carne, no invece alle verdure gratinate che aprire il forno è troppo, ci accontentiamo di patate fritte e verdure pastellate.
Avete capito bene, a Bologna il caldo lo combattiamo mangiando uguale uguale all'inverno, ho scelto quindi il classico pranzo che da bambina si faceva al mare, nella nostra riviera, vi si soggiornava un mese e le piadine erano un variante esotica della nostra crescentina, non esisteva che tornando a casa la si potesse mangiare e anche per la farcitura, tre o al massimo quattro varianti e grazie al cielo. La più classica, prosciutto e formaggio, era la mia preferita, con quel formaggio che non si scioglieva, fiero della propria identità, il grasso del prosciutto invece sì che doveva rendersi trasparente al calore della piadina sprigionando tutta la sua dolcezza....


Ma il tempo è passato, pure io per la raccolta di ricette con le acciughe ho farcito la piadina con questo pesciolino abbinandolo al formaggio Castel San Pietro, i puristi ne saranno imbarazzati, ma ormai nulla ci è proibito e per l'Italia nel Piatto ho pensato a due prodotti emiliani, mortadella di Bologna e aceto balsamico di Modena, come potete vedere dalla foto, non ho usato quello tradizionale che custodisco come oro in cantina e che è riservato alle cene importanti e proprio in una piadina non me la sono sentita di aggiungerlo, ma quello IGP, se vi volete coccolare però, qualche soldo in più è necessario spenderlo, non esiste investimento più azzeccato, vi consiglio pure una breve vacanze nelle zona di produzione per la visita in acetaia.
Vi lascio solo le dosi per le piadine, le farciture sono a piacere, la mia è solo un'idea, spero vi piaccia.



Ingredienti per 6 piadine di 20 cm di diametro:

500 g di farina 0
250 g di latte intero
50 g di strutto
1 pizzico di bicarbonato
1 cucchiaino di miele (io uso quello di castagno)
2 cucchiaini di sale fino

Scaldate il latte, scioglietevi lo strutto e il sale, lasciate raffreddare e impastate con la farina, aggiungendo il bicarbonato e il miele. Lavorate l'impasto finchè non sarà liscio ed elastico, lasciatelo riposare in luogo fresco per 30 minuti. Formate poi delle palline con l'impasto e con il mattarello formate le piadine dello spessore e della grandezza che più desiderate, cuocetele per tre minuti circa per lato in una padella antiaderente con il fondo spesso e caldissima.
Solitamente ne preparo almeno 12 e una volta fredde le chiudo individualmente in sacchetti e le conservo in freezer, per scaldarle basta passarle nuovamente nella padella per un paio di minuti.

Ecco ora i blog amici e le loro preparazioni:

Valle D'Aosta - Cucina valdostana: Alpenballu di Gressoney (Palline d'alpeggio) http://cinziaaifornelli.blogspot.it
Piemonte - http://lacasadi-artu.blogspot.it/
Lombardia - Estate in Lombardia - Marisan e Pumidori http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/
Trentino Alto Adige - Non partecipa http://afiammadolce.blogspot.it/
Veneto - http://ely-tenerezze.blogspot.it/
Friuli Venezia Giulia - Estate in Friuli Venezia Giulia - Trieste http://nuvoledifarina.blogspot.it
Emilia Romagna - Estate in Emilia Romagna- Dozza http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
Liguria - l'estate a Genova e la frittata con il preboggion http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
Toscana - http://www.nonsolopiccante.it/
Umbria - Estate in Umbria- Tris di bruschette http://amichecucina.blogspot.it
Marche - http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
Abruzzo - Estate in Abruzzo http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
Molise - Non partecipa http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
Lazio - Estate nel Lazio - La tiella di Gaeta - http://elly-chezentity.blogspot.it
Campania - http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina
Puglia - http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
Basilicata - http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
Calabria - http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
Sicilia - Estate in Sicilia - Gelo al caffè http://www.cucinachetipassa.info
Sardegna - http://blog.giallozafferano.it/vickyart

Guest blog per il mese di Luglio Emilia Romagna - http://leleganzadelpolpo.blogspot.it/
Guest blog per il mese di Luglio Liguria Acciughe ripiene alla Ligure http://blog.giallozafferano.it/dolcidiziachicca/

20 commenti:

  1. Sara sapessi che piacere ritrovarti qua! E con la mitica piadina.! Sai tanti anni fa ebbi la fortuna di mangiarne una fatta in casa presso una famiglia di Cesena. Non era cotta in padella ma aveva un fornello appositamente dedicato per cuocere la piadina. Me ne innamorai Ma la delusione nasce ogni volta che l'acquisto al super.. non è la stessa cosa!!! Confido in questa ricetta. E poi la mortazza ci sta tutta... e l'aceto balsamico, lo adoro!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Complimenti la tua ricetta e' molto originale!

    RispondiElimina
  3. Non potevi scegliere ricetta migliore Sara :-) adoro la piadina!!! Bravissima, grazie di cuore e con questo piatto farei già pranzo!!! Buon fine settimama, un abbraccio e grazie ancora :-)

    RispondiElimina
  4. da leccarsi i baffi non solo con la tua piadina ma anche con i proodotti della tua bella e golosa regione, di piadine ho fatto scorpacciate su scorpaciate a Ravenna dove spero di poter tornare presto magari in autunno con meno turismo e temperature più fresche. un abbraccio

    RispondiElimina
  5. ...e la piadina... la farcitura è sempre perfetta...anche con il pesciolino, sempre speciale..si vede che sono reduce da una vacanza romagnola???
    Mi raccomando stasera salumi e gutturnio....o ortrugo (se preferisci il bianco)

    RispondiElimina
  6. Certo che le piadine sono irresistibili! Complimenti Sara per la tua vittoria al nostro giochino e grazie ancora per aver partecipato. Il preboggion è un mix di erbe selvatiche, sia dolci che amarognole, molto gradevole al palato. Bacione a presto

    RispondiElimina
  7. Grazie ragazze... e sappiatelo... se passate di qua, piadine pronte ne ho sempre in casa!

    RispondiElimina
  8. Buonissima la piadina! Risolve un sacco di dilemmi, soprattutto le cene:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Ines... infatti domani sera sarà serata piadina!

      Elimina
  9. mi piace mi piace mi strapiaceeeee!!!
    Adoro le piadine fatte in casa e le mangerei in qualsiasi modo!
    adesso non mi resta che segnarmi la tua variante!
    grazie mille per aver partecipato al nostro giochino!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per questo divertente giochino!

      Elimina
  10. eccomi, in super ritardo ho pubblicato anche io!!!
    sono passata a godermi la visione di queste piadine, sarei indecisa su quale scegliere...quindi potrei fare una di un tipo e una dell'altro????

    RispondiElimina
  11. ciao, mi piace molto la piadina e di solito la compro già pronta in busta, lo so non è la stessa cosa, adesso posso provare la tua ricetta, baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che la piadina è di una velocità di preparazione incredibile, vedrai che bontà fatte in casa!

      Elimina
  12. Molto bello questo tuo abbinamento: Piadina Romagnola e farcitura Emiliana. Il modo migliore per unire l'Emilia Romagna.
    La tua ricetta assomiglia molto a quella che ho messo nel mio blog e che facciamo nella zona di Ravenna.
    Inserirò la tua ricetta tra la mia raccolta. Spero non ti dispiaccia.
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che la mia idea ti sia piaciuta e non mi dispiace per nulla se la inserisci nella tua raccolta!

      Elimina
  13. a una buona piadina non si dice mai di no...e questa è si buona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! E scusa per il ritardo nel risponderti...

      Elimina