domenica 5 maggio 2013

UN GRANO DI PEPE NEL MODENESE... OVVERO UN'OSTERIA DI PESCE NEI REGNI DEL MAIALE

Conoscevo Ravarino solo perchè sede di una palestra in cui la squadra di B2 dell'Atletico Volley vi si recava qualche tempo fa per degli allenamenti... poi qualcuno mi parlò di avervi trovato un ristorante di pesce strabiliante..... ma chi fu a dirmelo? Non ricordo... forse il dirigente Rino attirato dall'omonimia con lo chef? Non penso... lo sponsor? No, troppo magro per divertirsi a spacciare biglietti da visita di luoghi mangerecci... allora il Presidente... no, troppo imponente per amare una sana cucina di pesce.... l'allenatore? Noooooo, a quei tempi si cibava solo di pizza con sopra i tortellini e di quella bibita colorata frizzante (ora per fortuna la frequentazione con colleghi più saggi l'ha portato a scoprire cosa significhi mangiare), qualche arbitro??? Molto probabile... Insomma... sicuramente la dritta è arrivata dal mondo dello sport, perchè gli atleti hanno l'obbligo di mantenersi in linea, ma chi giostra intorno a loro non ci pensa minimamente e quando escono i calendari è puro divertimento abbinare i ristoranti alle trasferte.
Chiunque sia stato a nominarmi per la prima volta il "Grano di Pepe" ha la mia riconoscenza, molteplici i motivi per cui si è deciso di consumare lì il pranzo del 1° Maggio, la stanchezza di sentire le stesse parole e le stesse canzonette in nome di un lavoro che c'è sempre meno, meglio passarlo con chi sta lavorando davvero, il desiderio di rivedere il centro di Crevalcore dopo un anno dal terremoto, era il paese della mia nonna paterna e mi ci sento ancora un po' legata... e se questo vi pare poco, l'articolo con ricette dello chef di questo locale sulla rivista Più Cucina, pura fortuna, perchè non sempre fa parte del bottino che mi porto a casa dall'edicola...
E se anche voi volete recarvi qui a deliziarvi di una cucina di pesce di ispirazione siciliana, vi stuzzico la curiosità con le foto del menù assaggi..

Le entrate, si inizia molto bene:

Aperitivo destrutturato: crema di arachidi, sorbetto al Campari e patata croccante
Pane e Panelle

E ora si fa sul serio, 6 portate, 6 interprezioni da Oscar, forse il sandwich di ombrina è quello che mi ha più colpita, ma poi ripenso all'intensità della capasanta, alla morbidezza delle seppie unita alla dolcezza della zuppa di piselli... no... è tutto da provare e da apprezzare.
Abbiamo solo chiesto di poter variare la prima portata che consisteva in un crudo di mazzancolla, l'uomo solo il fuoco desidera e mi sono adeguata.

Capasanta, cous cous e crema di broccoli
Zuppetta fredda di piselli, seppie al prosciutto e polenta

Fondutina di peperoni, crema di baccalà, cipolla e polvere di pomodoro
Sandwich di ombrina, crema al cavolfiore, nero di seppia e colatura di alici
Pesce spada con caponatina (un po' particolare vista la presenza degli asparagi)
Zuppa di pesce alla corsa

Terminate queste portate io ero già piena fino alle orecchie, l'uomo invece è riuscito pure a gustarsi una cassata, ma avete visto che roba??? 


Naturalmente non poteva mancare la foto con il creatore di tante delizie, lo chef Rino Duca, grazie a lui ma anche ai ragazzi in sala e all'aiuto in cucina, quando la squadra è ben affiatata, il risultato sarà sempre vincente!



Usciti dal ristorante, magari fermatevi a fare spese nei paesi limitrofi è necessario aiutare anche nelle piccole cose i commercianti di queste zone, sulla strada che vi porterà a Crevalcore, potrete anche fare un incontro particolare, Giuliano Ansaloni, collezionista di orologi che ha trasformato parte della sua abitazione in un museo, non dimenticate di visitarlo a luglio per la fiera del paese.

Eccolo con due esemplari da lui restaurati
Purtroppo ecco le immagini di Crevalcore, si inizia a ristrutturare ma il lavoro è ancora molto lungo



14 commenti:

  1. lo stavo aspettando!!! che delizie, non vedo l'ora di andarci :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cris dai che ci facciamo finalmente una mangiatina insieme!!!

      Elimina
  2. Un menu ricco e bello, mi sarebbe piaciuto assaggiare la fonduta di peperoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e a me piacerebbe riassaporarla...

      Elimina
  3. Mamma mia...che bontà..mi sono incantata d'avanti alla crema di baccalà..voglio provare a farla :)
    Un bacio e buona serata :)

    RispondiElimina
  4. Oddio che bontà per gli occhi e immagino per la gola! Peccato essere lontani, altrimenti ci facevo una capatina! Grazie della segnalazione!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni la segnalazione per un'eventuale vacanza, ne vale la pena!

      Elimina
  5. una signora tempo fa mi disse ... se vuoi mangiare il pesce buono vai lontano dal mare perchè troverai chi è un vero chef di pesce e non dei ciarlatani!! e che chef hai trovato complimenti

    RispondiElimina
  6. ciao Sara
    mi unisco al tuo blog perchè con un titolo così non puoi che fare breccia nel mio cuore!! ^_^ e ho scoperto tante deliziose proposte ghiotte.
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, ti seguirò con molto piacere....

      Elimina
  7. un menu' eccellente!!! ben calibrato e ben presentato!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma tu sei un po' distante, ma se passi da quelle parti non farti scappare un pranzetto qui!

      Elimina