giovedì 15 marzo 2012

PIZZOCCHERI CON ACCIUGHE, VERZA E TOPINAMBUR

Potevamo dimenticarci delle verze in questo inverno così lungo che sta per terminare? Impossibile, dopo aver abbinato le acciughe a tutti i cugini cavoli, ora è il suo turno. 
La pasta fresca è la mia passione, ma questa volta ha lasciato da parte le uova per cimentarmi in una preparazione più nordica, i pizzoccheri, che si sono adeguati perfettamente alla presenza delle, per loro, sconosciute acciughe, ma si sono intesi subito, quando la fantasia di Cris parte, difficilmente non nascono amicizie.
E per esaltare il nostro pesciolino, ecco le altre due proposte:

Cris: Gnudi con verze e acciughe

Babi: Strudel di verze e acciughe



Ingredienti per 2 persone:

150 g di grano saraceno
50 g di farina 00
15 acciughe
200 g di verza
250 g di topinambur
120 g di bitto non troppo stagionato
Burro
Sale

Miscelate le due farine e impastate con un pizzico di sale e l'acqua necessaria per formare la sfoglia, tiratela con il mattarello fino a raggiungere lo spessore di circa 3 mm, lasciate asciugare qualche minuto, poi tagliate i pizzoccheri ad una lunghezza di circa 7 cm, a dire il vero io sono andata ad occhio, ma l'importante è aver reso l'idea.
Togliete la nervatura più dura alla verza, pelate i topinambur a pezzetti.
In una capiente pentola, mettere a scaldare l'acqua, salatela all'ebollizione e unite i topinambur, dopo cinque  minuti, aggiungete la verza, lasciate cuocere per altri 20 minuti.
Pulite nel frattempo le alici e fatele saltare in due noci di burro, salatele e tenetele al caldo.
Tagliate a fettine sottile il bitto.
Trascorsi i 20 minuti, unite alle verdure i pizzoccheri e cuocete per 5-7 minuti, non passate di cottura per evitare che la pasta si rompa.
In una pirofila, fate degli strati di pizzoccheri e di formaggio. Quando il formaggio si sarà sciolto, servite in piatti individuali aggiungendo le acciughe.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Un'acciuga al giorno" del blog "Poveri ma belli e buoni" di Cristina:


27 commenti:

  1. Hai visto che i pizzocheri ti sono venuti precisissimi? Mi incuriosisce molto questa versione, davvero abbinamenti particolari. Buona giornata Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babi, dopo la tradizione non ti resta che provare l'innovazione!!!

      Elimina
  2. Che particolare piattino che hai preparato mia cara Sara!!!!!!Oggi vi siete date tutte alla creatività...BRAVISSIME davvero e che ghiotto piatto!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione e complimenti!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ghiottissimo piatto, di quelli che dopo si passa al caffè!

      Elimina
  3. adoro il pesce azzurro che mi fa sognare il mare, i pizzoccheri e la verza che mi trasportano in un attimo nelle mie adorate montagne trentine... questa ricetta è una tentazione, voglio provarla!
    sono capitata per caso sul tuo blog e mi piace molto, mi unisco volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata da me, torna quando vuoi!

      Elimina
  4. vuoi sapere cosa mi è venuto in mente, appena ho letto questa ricetta?... come le vengono in mente :-). Giuro. Perchè qui più che un abbinameno è una quadriglia, verza e pizzoccheri di qua, acciughe e topinambur di là e più ci penso, più mi incuriosisce da matti, un'abbinata del genere... Sei davvero un pozzo di creatività, oltre che di bravura e son sempre più orgogliosa, ogni volta che leggo il tuo blog!
    un bacione
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale!!!! Vedi che tutti i tuoi consigli sono serviti? Però l'idea di questi pizzoccheri è di Cris, io ho solamente sostituito le patate con i topinambur. Mi fa molto onore vederti qui da me!

      Elimina
  5. Mmmmmhhhhhh, interessante variante dei pizzoccheri!
    Io li ho appena fatti, ma più attinenti all'originale :-)

    Buona giornata,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come per Babi, ora sei pronta ad affrontarli anche i pizzoccheri di mare!

      Elimina
  6. Interessante questa reinterpretazione dei pizzoccheri ! Brava Sara !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, se sapessi Cris che ricette che si inventa....

      Elimina
  7. Risposte
    1. Grazia Ivana, sono contenta che ti sia piaciuto

      Elimina
  8. Oltre che geniale, lo trovo ottimo! Bravissima...Dana et Dana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dana sei sempre gentilissima, grazie!

      Elimina
  9. Wow Sara che bel piatto!!!!!!!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  10. io butto lì solo degli input ma sia tu che Babi siete straordinarie interpreti e date sempre un bel tocco personale, vedi la scelta dei topinambur come in questo caso che rende il piatto originalissimo non solo per la presenza delle acciughe
    Grazie Sara
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cris, ma come ben sai, senza la tua inventiva io sarei persa...

      Elimina
  11. Che buoni,con le acciughe che adoro sono una meraviglia!Brava!Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molly se adori le acciughe di questi tempi hai talmente tante ricette da provare da cavartene la voglia!!!

      Elimina
  12. che bella idea!!
    finalmente un'alternativa altrettanto gustosa!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pizzoccheri di mare sono stati una bella idea, Cris è specialista nel trasformare i piatti, e io mi godo le sue ricette!

      Elimina
  13. Vediamo se oggi ci riesco a lasciareun commento,
    LI FACCIO SUBITO!!!! Adoro i pizzoccheri, ho scoperto da poco la bontà dei topinambur, se poi trasformi la rice in pizzocheri di mare ....quasi quasi mi ricordi l'enfant terrible Moreno ;-)

    RispondiElimina
  14. ah ah ah ah finalmente il pc mi consente di lasciare un commento , ma nella fretta che si scollegasse all'improvviso non mi sono firmata.

    baci Giulia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma leggendo Moreno non mi sarei potuta sbagliare.... chi altre poteva avere una familiarità tale con il grande chef da chiamarlo per nome???
      Prova i pizzoccheri e fammi sapere.
      Ciao, Sara

      Elimina